3 Buoni motivi per dire NO ai dissaltori nel Porto di Formia.

Dopo aver lanciato la petizione per dire NO ai dissalatori al porto di Formia, bisogna fare qualche ulteriore riflessione.

Tre sono a nostro avviso le considerazioni a supporto di tale decisione:

1) IMPATTO AMBIENTALE:

il processo di dissalazione è molto semplice, l’acqua marina viene forzata attraverso delle membrane che bloccano i sali e altre impurità organiche. Purtroppo lo “scarto”, per via degli elevati costi di smaltimento, potrebbe finire direttamente in mare.

Come è facile intuire la salamoia, finendo in mare, altera la salinità delle coste e compromette l’ecosistema marino. Ad affermarlo è uno studio della FAO “l’elevata salinità produce una riduzione nel livello di ossigeno in acqua, e questo impatta notevolmente sugli habitat degli organismi bentonici, con effetti ecologici osservabili lungo tutta la catena alimentare”.

Inoltre, l’area marina di Formia non si trova in mare aperto. Il Golfo protegge le nostre coste e le correnti non sono mai troppo forti. Questo significa che la salamoia resterebbe qui.

(Lo studio -> http://www.greenreport.it/news/acqua/universita-onu-attenti-alla-salamoia-dei-dissalatori/)

2) MANCANZA DI UNA NORMATIVA SUGLI SCARTI:

ad oggi, a livello nazionale e unionale, vi è una lacuna normativa sull’impatto ambientale dei reflui derivanti dalla dissalazione delle acque. In particolar modo assenza di limiti e mancanza di una definizione dei criteri della valutazione degli effetti sull’ecosistema. Si traduce in una maggiore discrezionalità gestionale a discapito della collettività e dell’ambiente.

3) DISPERSIONE D’ACQUA:

propositi per fronteggiare l’emergenza idrica risulterebbero inadeguati in presenza di una rete vecchia con tassi di dispersione superiori al 70%. C’è ancora qualche mese di tempo: invece di pensare ai dissalatori, il gestore si attivi per abbattere la dispersione delle condotte. Formia è ricca di acqua, il problema sono le reti colabrodo. L’acqua è un bene primario e la sua tutela un “obiettivo cardine di sviluppo sostenibile”.

 

Uno dei tanti lavori di risanamento della condotta idrica nella città di Formia.
Uno dei tanti lavori di risanamento della condotta idrica nella città di Formia.

No ai dissalatori nel porto di Formia!

1,024 firme = 102% dell'obiettivo
0
1,000

Firme raccolte: 1024/1000

Condividi su Whatsapp
  •  
  •